15 Novembre 2020

La musica di Ólafur Arnalds perfetta per il relax in lockdown

some kind of peace è stato registrato nel suo studio ubicato nel porto nel centro di Reykjavik. Fortunatamente, lo studio di nuova concezione è stato completato poco prima dell'inizio del lockdown.

15 Novembre 2020

La musica di Ólafur Arnalds perfetta per il relax in lockdown

some kind of peace è stato registrato nel suo studio ubicato nel porto nel centro di Reykjavik. Fortunatamente, lo studio di nuova concezione è stato completato poco prima dell'inizio del lockdown.

15 Novembre 2020

La musica di Ólafur Arnalds perfetta per il relax in lockdown

some kind of peace è stato registrato nel suo studio ubicato nel porto nel centro di Reykjavik. Fortunatamente, lo studio di nuova concezione è stato completato poco prima dell'inizio del lockdown.

Un album di elettronica prevalentemente strumentale sta avendo inaspettato successo tra le playlist degli influenti “intellettuali” di Instagram. Succede nel mondo, in un momento in cui il mondo si trova, quasi nella sua interezza, a desiderare la stessa cosa: tranquillità. L‘eroe musicale del lockdown che ha scritto le composizioni di “Some kind of peace” che tanto stanno avendo attenzione in questa seconda paralisi mondiale si chiama Ólafur Arnalds ed è islandese. Racconta: “Non possiamo controllare tutto ciò che ci accade. Tutto ciò che possiamo fare è controllare come reagiamo a ciò che la vita ci offre “.


“We Contain Multitudes” è una composizione per pianoforte teneramente modellata: è stata scritta nella capanna di un amico in una giungla, a tarda notte, su una minuscola tastiera elettrica”, dice Ólafur. “A quel tempo avevo passato così tanto tempo lontano da quella che avevo considerato casa, quasi stabilendo una vita separata dall’altra parte del pianeta. La mia mente stava attraversando un processo per imparare a vivere in due culture molto diverse, per riconoscere che all’interno di un corpo ci sono moltitudini di aspetti diversi e spesso contraddittori della personalità. Il brano rimane un promemoria del fatto che le nostre menti non sono costanti, il sé è in continua evoluzione“. Il suo video, diretto da Blair Alexander, è rilassante, semplice, e mostra Ólafur che esegue il  brano a casa.

L’album, dalle ambientazioni sonore rarefatte, ricco di titoli suggestivi e suoni sussurrati, a metà tra la natura new age e la sintesi onirica da studio, racconta cosa significa essere vivi, osare essere vulnerabili e sottolinea l’importanza dei rituali. È un viaggio personale raccontato attraverso la musica introspettiva di Ólafur, 34 anni, già da 17 anni sul mercato discografico, sullo sfondo di un mondo caotico. Le collaborazioni hanno giocato un ruolo fondamentale nella realizzazione dell’album: il musicista britannico Bonobo, presente nel luminoso brano di apertura, il cantante islandese e polistrumentista JFDR, che Ólafur stima da molti anni, e il suo amico Josin, un cantautore tedesco.


some kind of peace Cover Artwork
Photo by Anna Maggy, design by Torsten Posselt

Mentre il precedente album di Ólafur, re: member (2018), è stato un trionfo tecnologico con i suoi pianoforti Stratus innovativi, brevettati, auto-riproducenti e semi-generativi, some kind of peace supera gli strati superficiali per rivelare il lato più umano e intimo . Ólafur ha riflettuto sulla musica che più lo ispira e ha scoperto che una delle caratteristiche chiave è la vulnerabilità. Descrive lo shock epistemologico che lo ha portato alla realizzazione che il mondo era completamente diverso da quello che aveva pensato. Questo innesco lo ha spinto a scrivere delle sue esperienze dell’anno passato e dei nuovi cambiamenti di vita e delle prospettive che hanno portato. Quando scoppiò la pandemia, aveva già scritto metà dell’album e il resto scorreva liberamente. “Questo album è quasi un risveglio per me a una vita completamente nuova per la quale non penso sarei stato pronto altrimenti. Vivo una relazione molto felice ora,  non penso che sarebbe così se non avessi avuto uno shock per il mio stile di vita, perché semplicemente non sarei stato aperto a questo. Quindi questo album parla molto dell’amore e del non averne paura. “

some kind of peace è stato registrato nel suo studio ubicato nel porto nel centro di Reykjavik. Fortunatamente per Ólafur lo studio di nuova concezione è stato completato poco prima dell’inizio del lockdown; non avrebbe potuto realizzae alcun brano altrove. “Posso vedere le montagne dalla mia finestra”, dice. “Credo davvero in come la natura di uno spazio accresca la creatività e lo considero sacro.” Il risultato di some kind of peace è l’obiettivo attuale più personale di Ólafur, un desiderio aperto e onesto. “È così personale che sto ancora cercando di trovare le parole per parlarne”, dice con un sorriso. “Ho sentito che era importante che l’album raccontasse la mia storia in modo molto onesto. Questo album è molto più vicino al mio cuore di qualsiasi altro. “

L’innovativo compositore, musicista e produttore islandese Ólafur Arnalds ha collaborato anche con il cantante, compositore e produttore elettronico RY X  per creare il brano ‘Oceans‘ disponibile su Mercury KX .

Utilizzando un campione del brano ypsilon di Ólafur come base della nuova traccia, RY X ha scritto un testo sovrapponendo la sua voce sensuale, percussioni e synth per arricchire il caratteristico suono del pianoforte di Ólafur.

“Sono stato un fan di RY X– afferma Ólafur Arnalds – e sempre pensato che avessimo una sensibilità molto simile. Ho deciso di contattarlo per fare un remix per il mio album, ma dopo un paio di incontri abbiamo iniziato ad allontanarci dalla canzone originale che gli avevo chiesto di remixare e alla fine ci siamo resi conto di aver iniziato una vera e propria collaborazione. Un’esperienza profonda e  stimolante che mi auguro possa proseguire”

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Premiata ha le scarpe “della ripartenza”

Premiata ha lanciato esclusive immagini di campagna che da sempre accompagnano ogni nuova collezione affrontando tematiche importanti. Per la Spring Summer 2021 l’azienda

Il boom della moda plus size

L’abbigliamento plus size sempre più apprezzato è indice di un trend significativo. Per anni i canoni di bellezza femminile sono

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”