Magazine - Fine Living People
Society

Society - 21/12/2020

HSI, a Natale facciamo del bene agli animali

Biglietti personalizzati, kit di decorazioni e sottoscrizioni annuali per la salvaguardia degli animali si acquistano online e si inviano a casa di amici e familiari lontani: le festività segnate dalla pandemia fanno riscoprire doni anticonvenzionali, ma ricchi di significato.

Questo 2020 è stato difficile anche per gli animali del nostro pianeta e la campagna di Natale promossa da “Humane Society International (HSI)”, l’unica organizzazione attiva sia a livello nazionale che globale per la tutela di tutti gli animali, riflette questo bilancio. Dal 2017 ad oggi i volontari di HSI hanno soccorso oltre 10mila animali colpiti da disastri naturali e ambientali, tra cui i roghi che hanno coinvolto i koala in Australia tra 2019 e 2020 e la terribile esplosione avvenuta a Beirut lo scorso agosto. Sarà un Natale fuori dal comune, segnato da limitazioni dovute alla pandemia in corso, ma anche dalla riscoperta di valori immateriali e da una maggior consapevolezza rispetto al rapporto tra uomo e natura e tra società e animali: è quanto auspica Humane Society International (HSI), l’unica organizzazione attiva a livello locale e internazionale per proteggere tutti gli animali – in natura, nei laboratori, negli allevamenti e in ambiente domestico – con campagne globali e attività sul campo in più di 50 paesi. Per portare avanti le numerose battaglie a favore di tutti gli animali, HSI ha appena lanciato una nuova campagna di sottoscrizioni online, con l’hashtag #salviAmotuttiglianimali.

Da sinistra, Jean Chung e Jo Anna Robinson.

Grazie al suo impegno nella sensibilizzazione aziendale, HSI ha contribuito alla riduzione delle pellicce nel sistema dell’alta moda. Brandrappresentativi del made in Italy, come Prada, Armani e Versace, e alcuni tra gli store più importanti al mondo hanno abbandonato l’uso e la commercializzazione di capi in pelliccia animale, grazie all’azione di lobby di HSI. In questo particolare momento l’organizzazione sta facendo sentire la sua voce nella questione legata agli allevamenti di visoni contagiati dal Covid19. Dal 2017 ad oggi l’organizzazione ha soccorso oltre 10mila animali colpiti da disastri ambientali e fatto chiudere 17 allevamenti di cani allevati per la loro carne.

HSI ha appena lanciato una nuova campagna di sottoscrizioni online con l’hashstag #salviAmotuttiglianimali. Da questa settimana dal sito http://www.hsi-europe.org/it/natale/ è possibile effettuare sottoscrizioni mensili, donarle agli amici oppure scegliere regali di Natale sostenibili e solidali con il mondo animale.

“Mai come quest’anno – dichiara Martina Pluda, Direttrice HSI per l’Italia – siamo chiamati a riscoprire la solidarietà con il mondo animale: approfittiamo di questo Natale che si preannuncia più intimo e riflessivo per agire e diventare parte del cambiamento verso un futuro più umano e libero per tutti. Chi sceglie di partecipare concretamente alla campagna contribuisce a realizzare la missione di HSI per la tutela di tutti gli animali nel mondo. Ogni donazione si trasformerà in attività di informazione e sensibilizzazione, interventi concreti, salvataggi, cibo, cure veterinarie, ricoveri, come per i cani salvati dagli allevamenti per la loro carne”.

Nel corso del 2020 la campagna europea Basta Animali in Lockdown, per prevenire lo sviluppo di future pandemie, ha ottenuto il supporto di decine di migliaia di persone. Negli ultimi mesi ha fatto sentire la propria voce contro gli allevamenti di animali da pelliccia, battaglia perseguita da anni e tornata al centro dell’attenzione mediatica a causa dei focolai di Coronavirus rilevati negli allevamenti di visoni in Europa. Ma sono numerose le operazioni di sensibilizzazione aziendale che hanno convinto brand di alta moda, come il gruppo Prada e alcuni tra gli store più importanti al mondo ad abbandonare l’uso e la commercializzazione di capi in pelliccia animale.



Trends - 26/04/2017

Ecco come il Tropical mood contagia moda e arte

Alla fiera di New York di maggio Collective Design, il tropical mood sarà in evidenza in tutto il s [...]

Leisure - 13/12/2016

A Roma capodanno con la banda (non solo italiana)

Arrivano gli americani e tutti si tinge di festa. A Roma, la decima edizione della Rome New Year’s [...]

Leisure - 19/10/2020

Per Walk-In Festival si accende il linguaggio non verbale

Un festival degli spazi e degli studi d'artista che si avvicina sempre dipiù al pubblico con esper [...]

Top