2 Luglio 2022
RECORD DI VENDITE

L’epocale ritorno di Kate Bush con una canzone di 37 anni fa

2 Luglio 2022
RECORD DI VENDITE

L’epocale ritorno di Kate Bush con una canzone di 37 anni fa

2 Luglio 2022
RECORD DI VENDITE

L’epocale ritorno di Kate Bush con una canzone di 37 anni fa

In principio fu il video con la coreografia danzata e la memorabile drum machine programmata da Del Palmer. “Running Up That Hill” di Kate Bush dal suo quinto album “Hounds of Love” conquistò il mondo nel 1985. Ma in America arrivò solo al numero 30. Questa settimana, tramite l’inclusione nella fiction “Stranger Things” andata in onda su Netflix su scala mondiale, la canzone ha avuto un ritorno di popolarità inaspettata. Ed è finita in top 5 in USA e Gran Bretagna (rispettivamente numero 4 e numero 1).

La storia di Kate Bush ci insegna che la regina del pop autoriale britannico è stata una delle figure più riservate del panorama internazionale della musica popolare. Se si esclude una serie di concerti nel 2014 sempre nella stessa hall, si è esibita pochissime volte e raramente ha concesso interviste.

Alla BBC Radio però stavolta non si è sottratta. “Come se il mondo fosse impazzito per questa canzone – ha detto in diretta nazionale – e mi fa piacere. Ringrazio tutti e soprattutto sono contenta che ci sia una nuova generazione di persone che riscopre il mio brano”.

Tre record sta stabilendo in questi giorni Kate Bush. A 63 anni ha superato Cher che con Believe nel 1999 a 52 anni aveva raggiunto il primo posto in Gran Bretagna, come artista più anziana a raggiungere la vetta delle charts. Ha superato gli Wham! che con “Last Christmas” uscito nel 1984 ci hanno messo 36 anni per raggiungere il numero 1 (agguantato nel 2021). La sua canzone ne ha impiegati 37. E per finire, in tutta la storia delle chart britanniche, oggi si può dire che Kate Bush è la cantante donna più anziana ad aver raggiunto la posizione numero uno. Un segno dei tempi, visto che le classifiche oggi vengono computate considerando gli stream digitali, su un catalogo evidentemente gigantesco che fa dagli anni della nascita del rock a metà Novecento fino a oggi.

La vittoria di “Running Up That Hill” su singoli contemporanei come quello di Harry Styles in Uk o Dranke un USA, è un cambio anche nella considerazione delle classifiche oggi. Il patrimonio musicale che si ha a disposizione senza supporto fisico è immenso e potenzialmente qualsiasi riscoperta dal passato è eleggibile per arrivare in vetta alle classifiche del mondo. Succede a Madonna con “Frozen” (1998) che torna di moda su TikTok. Succede a Kate Bush che si trova al centro di un rinnovato interesse senza un lavoro nuovo da promuovere per effetto dell’inclusione in una colonna sonora. Ed è anche la rivincita della musica “democratizzata” che piace a tutti, fuori dagli schemi dei passaggi radiofonici che in molti stati del mondo escludono canzoni di chi ha superato i temuti “anta”.

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Tramonti in musica a Roma fino a ottobre

Valorizzare il territorio, guardare con altri occhi alcuni scorci spesso attraversati velocemente,  riscoprirne le aree verdi, viverle e restituirle al

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?