21 Dicembre 2018

Beppe Convertini: il grande monolocale per l’eterno giovane

Una casa dalle dimensioni "umane" in una zona storica di Roma. "Amo ricevere e vivere qui al centro di un museo a cielo aperto".

21 Dicembre 2018

Beppe Convertini: il grande monolocale per l’eterno giovane

Una casa dalle dimensioni "umane" in una zona storica di Roma. "Amo ricevere e vivere qui al centro di un museo a cielo aperto".

21 Dicembre 2018

Beppe Convertini: il grande monolocale per l’eterno giovane

Una casa dalle dimensioni "umane" in una zona storica di Roma. "Amo ricevere e vivere qui al centro di un museo a cielo aperto".

Istrionico, gentile, pieno di impegni ma sempre disponibile.  Per lui gli anni sembrano non passare. Beppe Convertini attore, ex modello e conduttore tv mi ha ricevuto nella sua casa di Roma. Un ambiente raffinato, piccolo ed accogliente ma arredato con estremo gusto. Un grazioso monolocale a due passi dal Colosseo al piano alto di un palazzo d’epoca. La casa ai miei occhi si presenta ricca di suppellettili, un elemento in particolare attira la mia attenzione, una tela preziosa e antica proveniente dalla Birmania.

Appena arrivato in casa, ci tiene subito a precisarmi che non ha avuto modo di mettere in ordine la casa. Lui ama le cose semplici ed è sempre in viaggio a causa degli impegni professionali. Ma a me tutto appare perfetto. 

Si scusa pure per il poco tempo a disposizione. In questo periodo infatti  è molto occupato per il lancio del suo primo Libro: I BAMBINI DI NESSUNO edito dalla casa editrice Admaiora di Giuseppe Pierro.  

Un racconto fotografico delle sue ultime missioni umanitarie per Terre des Hommess nei campi profughi siriani ad Aarsal al confine siriano-libanese e a Zarqa al confine siriano-giordano e nelle baraccopoli del Myanmar. I ricavati di questo libro verranno devoluti alla fondazione Terre des Hommes.

Abbiamo chiacchierato e mi ha raccontato molto della sua casa e delle sue abitudini casalinghe.

Beppe da quanto tempo vivi in questa casa?

Vivo qui da 7 anni , l’ho trovata tramite degli amici che mi hanno indicato questa casa. Mi piaceva questa zona storica tra Monti e l’Esquilino e per questo ho deciso di comprare qui. Un posto magico, un museo a cielo aperto. Si tratta di una zona comodissima. Esco di casa e vedo la storia della città più bella del mondo. Faccio una passeggiata e sogno.

Come si presentava la casa quando l’hai acquistata?

L’ho trovata in condizioni precarie, completamente diversa. L’ho voluta  personalizzarla ed  adattarla alle mie esigenze.

Hai fatto tutto da solo o ti sei avvalsi professionisti del settore?

Ho fatto da solo. In realtà mi ha aiutato una cara amica che ha grande gusto e abbiamo cercato insieme di rendere questi pochi metri quadri fruibili per tutto, inserendo per esempio elettrodomestici in cucina e comunque cercando di fare un ambiente aperto, quindi cucina, salone camera da letto, tutto in un unico ambiente,  al fine di sfruttare al meglio gli spazi.

Beppe Convertini ha ricevuto Damiano Gallo per The Way Magazine e gli ha raccontato della sua casa da “eterno giovane”.

Che rapporto hai con i tuoi vicini di casa?

Ottimo direi. Mi piace pure andare alle riunioni condominiali. A volte un po’ troppo pittoresche perché si incontrano persone ostinate. Se fossero più tranquille si potrebbero risolvere i problemi senza perdere tempo. Viaggio spesso e avendo molte piante a casa chiedo spesso aiuto ai miei vicini. Lo stesso faccio io con loro. Ci aiutiamo a vicenda.

C’è qualcosa che vorresti cambiare della tua casa?

Non cambierei nulla, è piccola è vero, però mi piace molto per non parlare del  terrazzo che è molto utile a Roma. Qui il clima è mite e lo sfrutto molto spesso. Sono soddisfatto, non cambierei proprio nulla.

Ami ricevere in casa gli amici o preferisci relazionarti fuori?

La casa è piccola, faccio cene con al massimo 4/6 persone. Una volta però degli amici mi hanno  fatto una festa a sorpresa, eravamo in 40. Stretti stretti ma con molto calore umano. Siamo stati bene comunque.

Cosa non deve mai mancare nella casa di Beppe Convertini?

Mangiare e da bere sicuramente. Se proprio dovessi dirti cosa non deve mai mancare ovviamente da buon italiano doc, direi la macchina del caffè. Faccio colazione a casa con yogurt e biscotti ma senza caffè non posso iniziare la giornata.

Read in:

English English Italian Italian
Damiano Gallo

Damiano Gallo

Damiano Gallo (Siracusa, 15 Giugno 1981) è un imprenditore, editore italiano, autore e produttore televisivo. È noto come “l’immobiliarista dei vip” ma anche come “il Bello del mattone”, come l’omonimo programma tv giunto alla decima edizione. Per The Way Magazine è stato tra i primi contributor a svelare con seguitissime interviste, i segreti delle case dei vip nella rubrica “Vip House”. Tra i suoi altri format televisivi ci sono Il Bello del Benessere con Lorella Ridenti , Melita Toniolo e Marina Graziani, Abc Casa con Alessandra Appiano, giornalista scomparsa nel 2018 e Chi ha dormito in questo letto? quest’ultimo in onda attualmente su Discovery Channel. Ha fondato nel 2019 e dirige Dimora Magazine testata giornalistica sorella di The Way Magazine incentrata sul mondo immobiliare. Cresciuto a Floridia, in Sicilia, col padre Antonio, noto avvocato, la madre Paolinda, imprenditrice turistica e la sorella Fabiana, Damiano si è laureato in Giurisprudenza alla Universita’ Cattolica di Milano nel 2007. Ha fondato due anni dopo Porta Nuova Estates S.R.L. e oggi è titolare di Damiano Gallo Estates S.R.L. Ha ricoperto il ruolo di Assessore al Patrimonio, Centro Storico, Media e Comunicazione della Città di Piazza Armerina, in Sicilia. È proprio per la sua terra che, nel 2018, ha lanciato l’hashtag #adottaunmonumento. Per la prima volta a Piazza Armerina, grazie a Damiano, sono stati raccolti più di 50.000 euro di fondi privati per riqualificare il territorio e restaurare i beni pubblici. È autore del libro: “Il Sussidiario Immobiliare” edito da Tracce per la meta. Dal 2017 è inoltre l’organizzatore e fondatore del “Premio Letterario Alessandra Appiano”, un premio che viene conferito a giornalisti e scrittori italiani. Tra i premiati la giornalista e scrittrice Silvana Giacobini, Dan Peterson, Fuani Marino e Antoine Leiris. È direttore artistico del Siracusa Book Festival ed e’ referente di Plastic Free per tutti i paesi Iblei. È stato referente per Milano e Lombardia di Assocastelli. Cura diverse rubriche tra cui Diritti e Doveri sul Corriere Della Sera all’interno dell’inserto Trovocasa.
Ti potrebbe interessare:

Burano, merletti e colori

Quest’anno si tiene la terza biennale del merletto sull’isola di Burano, una delle isole di Venezia, famosa per il suo

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?