Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 07/06/2017

La scultura di Marcello Tedesco ora è energia vitale

Alla Gelateria Sogni di Ghiaccio di Bologna lo scultore presenta opere in divenire e tendenti alla costruzione. E l'effetto è sorprendente.

Marcello Tedesco è particolarmente fiero della sua nuova mostra bolognese. “Oggi l’equilibrio tra distruzione e costruzione tende più verso la costruzione nelle mie opere, o meglio, le opere in mostra hanno l’energia vitale  di affermarsi anche su ciò che è distrutto, instaurando un’inedita condizione della forma.”

La prima operazione che l’artista compie è quella di forgiarsi un proprio linguaggio, dice sempre Tedesco.

Queste parole, pronunciate nel suo film Memoriale, sono una dichiarazione poetica e una chiave di lettura, tra le tante possibili, del suo lavoro. Creare un linguaggio inedito, azzerando le abitudini e le convenzioni imposte e rifiutando la razionalità e le sovrastrutture culturali, che non assomiglia a quello comune ma ha origine nella realtà e riscopre le cose come se non avessero ancora un nome e non fosse possibile nominarle. Una lingua che prescinde dai significati condivisi e fonda se stessa non come pura fantasia o metafora ma come pratica etica che ricerca la verità nell’evidenza del reale con dedizione e disciplina.

Marcello Tedesco immerge lo spettatore in un universo di presenze scultoree costantemente in bilico tra lo stato di derelizione e una indefinibile energia. Queste due polarità così contrastanti vengono dall’autore sintetizzate nella pratica del “costruire demolendo”. In questa mostra, come suggerisce il titolo Aufblühen (fiorire), sembrano prevalere gli aspetti connessi alla germinazione, al risveglio della vita dopo uno stato di quiescenza. Forme cave, circolari, opalescenti, accolgono la luce, che agisce su di esse fino a creare una inedita condizione della forma, dove materiale ed immateriale coesistono non più distinti.

Il titolo Aufblühen (fiorire) –, è palpabile, inscindibilmente unita alla concretezza materiale nella quale si insinua viralmente per dare corpo a «una nuova condizione della forma» – come sottolinea ancora Tedesco – enunciazione di una lingua in fieri.

La mostra Marcello Tedesco – Aufblühen, a cura di Rossella Moratto è alla Gelateria Sogni di Ghiaccio di Bologna, via Tanari Vecchi 5/a.



Leisure - 09/11/2019

Sestino Beach anche d’inverno al Lago di Garda e diventa Sestino Village

Dopo il successo del Sestino Beach, ritrovo glamour estivo della movida del lago di Garda, la sua fo [...]

Design of desire - 26/10/2016

D-Table, un tavolo di design connesso con il mondo

Il tavolo diventa ufficio e finestra sul mondo sempre connessa. Spesso nei film di fantascienza [...]

Leisure - 28/03/2017

Vino lombardo, ecco gli 8 ambasciatori nel mondo

Il vino lombardo tira sempre di più nel mondo. Nel rinascimento milanese e regionale post Expo c'è [...]

Top