21 Novembre 2016
FOTO

L’Artico in foto a Venezia

21 Novembre 2016
FOTO

L’Artico in foto a Venezia

21 Novembre 2016
FOTO

L’Artico in foto a Venezia

L’Artico rivive a Venezia in una mostra fotografica che vi lascerà stupiti. Prenotatevi un soggiorno in Laguna da gennaio prossimo perché alla Casa dei Tre Oci arriva la mostra Artico. Ultima frontiera (dal 15 gennaio al 2 aprile 2017), un’esposizione, curata da Denis Curti con 120 immagini, rigorosamente in bianco e nero, di tre maestri della fotografia di reportage, quali Paolo Solari Bozzi (Roma, 1957), Ragnar Axelsson (Kopavogur, Islanda, 1958) e Carsten Egevang (Taastrup, Danimarca, 1969).

La rassegna è un’indagine approfondita, attraverso tre angolazioni diverse, di un’ampia regione del pianeta che comprende la Groenlandia, la Siberia, l’Alaska, l’Islanda, e della vita della popolazione Inuit, di soli 150.000 individui, costretti a gestire, nella loro esistenza quotidiana, la difficoltà di un ambiente ostile.

In queste immagini – afferma Denis Curti, direttore artistico dei Tre Oci – l’imminenza del riscaldamento globale si fa urgenza, mentre si apre un confronto doloroso in cui l’uomo e le sue opere vengono inghiottiti dall’immensa potenza della natura. Bellezza e avversità sono i concetti su cui la Casa dei Tre Oci fonda questo progetto, con una mostra che intende riportare l’attenzione sui paesaggi naturali e le tematiche ambientali dei nostri giorni”.

SCHEDA TECNICA

ARTICO. ULTIMA FRONTIERA FOTOGRAFIE DI PAOLO SOLARI BOZZI / RAGNAR AXELSSON / CARSTEN EGEVANG

 

Sede: Casa dei Tre Oci -Fondamenta delle Zitelle, 43

30133 Giudecca – Venezia

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Anche l’arte è un bene rifugio

Non solo banconote e lingotti d’oro. I veri nuovi beni preziosi definiti beni rifugio sono adesso le opere d’arte contemporanea.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”