Bona Fide Biz - 15/10/2019

Il mare si salva anche comprando il pesce giusto

Non bisogna sbagliare la spesa ittica: comprare pezzi dalle misure giuste nel momento giusto. Evitando gli sprechi.

Amare Nostrum è un progetto nato con il FEAMP, il fondo per la politica marittima e della pesca dell’UE per il periodo 2014-2020, che punta a promuovere le produzioni ittiche e le marinerie dell’area costiera campana.

Il progetto punta a promuovere le produzioni ittiche, le loro peculiarità storiche, culturali, gastronomiche, sociali ed ambientali e favorire attraverso attività integrate la creazione di un vero e proprio sistema produttivo organico in grado di favorire le produzioni e lo sviluppo turistico, sociale ed economico del territorio.

DIETA MEDITERRANEA –  Il progetto sostenuto da Regione Campania e Ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, definisce la “dieta mediterranea” come il principale modello alimentare sostenibile. Il regolare usco di pesce influisce positivamene sulll stato di salute ed è uno dei cardini della dieta di queste zone. Apporta proteine di alto valore biologico, sali minerali e i preziosi acidi grassi omega-3.

PESCA SOSTENIBILE – La pesca sostenibile prende dal mare solo ciò che serve senza sprechi tenendo presente la sopravvivenza dell’equilibrio marino. Pescando nel rispetto delle regole con basso impatto ambientale contribuisce a mantenere i mari sani. Bisogna comprare, di contro, anche con responsabilità: scelte che fanno bene alla salute del mare, delle coste e al corretto sviluppo dell’economia locale sono solitamente quelle a “miglio zero”.

Si possono fare delle differenze: un diritto conoscere la provenienza del pesce passa anche dalla corretta conoscenza. La FAO indica con codici i mari in cui si pescano i pesci che finiscono nei supermercati.

37 – Mar Mediterraneo

21 – Atlantico Nord Occidentale

27 – Atlantico Nord Orientale

51-57 – Oceano Indiano

 

MISURE – Comprare pesci delle corrette misure contribuisce a non estinguerli, rispettando i tempi di riproduzione e anche il nostro gusto. Il bamberetto rosa deve avere la testa di minimo 2 cm, la sogliola deve essere minimo di 20 cm, così come il nasello. Lo sgombro si può comprare già a 18 cm, lo scampo in totale deve essere lungo 11 cm. Un pesce troppo giovane non ha ancora avuto modo di riprodursi e solo lasciandolo maturare possiamo contribuire all’equilibrio del mare.

STAGIONI – Non molti sanno che ci sono pesci per determinate stagioni. Ora che siamo a ottobre nel Mediterraneo troveremo le alici, cefali, cernie, triglie, dentici, sogliole. A Novembre possiamo prendere calamaro, seppia, fallinella e polpo. A Dicembre la varietà diminuisce ma aumentano i consumi per effetto del Natale. In ogni caso si trovano saraghi, triglie, naselli e sogliole.

Nei mesi freddi di gennaio e febbraio ci sono naselli, cefali, gtriglie e spigole. Con la primavera arriva lo scorgano, la rana pescatrice. Da giungo in poi, ricciola, nasello e pesce spada.



Leisure - 29/04/2019

Gaga Symphony Orchestra debutta a Milano

Eccezionale debutto a Milano per la Gaga Symphony Orchestra, ensemble orchestrale assolutamente unic [...]

Leisure - 20/03/2018

Una Pangea a firma Mirko Baricchi

Mirko Baricchi con la mostra Pangea si avvicina davvero all'idea di rappresentazione artistica primo [...]

Society - 06/02/2018

I leader digitali? Saviano, Trump e Mentana

Se crei dibattito allora vali. E per la precisione devi scatenare "engagement" per emergere sulla Re [...]

Top