Magazine - Fine Living People

E all’improvviso la Jugoslavia ritorna di moda

Il Brutalismo: una mostra al MoMa di New York e un libro che si propone come "Atlante" di uno stile basico ma davvero affascinante.

Corsi e ricorsi dell’architettura. Come la moda o il design, esiste una rivalutazione collettiva anche di intere fette di correnti che hanno conformato le nostre città in determinati e indelebili modi. Ora è il turno del Brutalismo a essere rivalutato. Partendo dalla Jugoslavia, che amava autocelebrarsi con monumenti di grande impatto visivo e dimensionale, ma che all’epoca venivano considerati basici, senza orpelli, grigi e di poca rifinitura. Brutalismo appunto, oggi oggetto di una mostra di “ricostruzione” in uno dei più importanti musei del mondo e di vari libri illustrati.

Posizionati tra l’Occidente capitalista e l’Oriente socialista, gli architetti della Jugoslavia hanno risposto a richieste e influenze contraddittorie, sviluppando un’architettura postbellica sia in linea che distinta dagli approcci progettuali osservati altrove in Europa e oltre. Al MoMa di New York per la prima volta si celebra questo movimento che è arrivato fino agli anni 50 e ha forgiato quartieri e metropoli con i suoi edifici rigorosi.

L’architettura che emerse – dai grattacieli di stile internazionale ai “condensatori sociali” brutalisti – è una manifestazione della diversità radicale, dell’ibridismo e dell’idealismo che caratterizzava lo stesso stato jugoslavo. Verso un’utopia concreta: Architecture in Jugoslavia, 1948-1980 introduce per la prima volta l’eccezionale opera degli architetti leader socialisti della Jugoslavia a un pubblico internazionale, sottolineando un corpo significativo e finora sottovalutato dell’architettura modernista, i cui contributi lungimiranti sono ancora in risonanza oggi.


Nella mostra sono affrontati i
temi di urbanizzazione su larga scala, tecnologia nella vita quotidiana, consumismo, monumenti e commemorazione e la portata globale dell’architettura jugoslava. La mostra comprende oltre 400 tra disegni, modelli, fotografie e bobine cinematografiche di una serie di archivi comunali, collezioni per famiglie e musei in tutta la regione, e opere di importanti architetti tra cui Bogdan Bogdanović, Juraj Neidhardt, Svetlana Kana Radević, Edvard Ravnikar, Vjenceslav Richter e Milica Šterić. Dall’interno scultoreo della Moschea Bianca nella Bosnia rurale, alla ricostruzione post-terremoto della città di Skopje basata sul progetto Metabolista di Kenzo Tange, alla nuova città di New Belgrade, con i suoi espressivi blocchi abitativi su larga scala e edifici civici, la mostra esamina la gamma unica di forme e modalità di produzione nell’architettura jugoslava e il suo carattere distinto ma sfaccettato.

E appena si risveglia l’interesse americano di un grande museo, compare anche un libro. Si tratta del faldone enorme che ha pubblicato Phaidon dal nome Atlas of Brutalist Architecture che è un vero percorso in tutto il globo sulle tracce di uno stile che non fu soltanto slavo. Tanto che una delle prime opere brutaliste è identificata sulle rive del lago Michigan, il Milwakee County Ware Memorial disegnato da Eero Saarinen nel 1955. Un architetto finlandese, beninteso, naturalizzato americano.

Questo è l’unico libro per documentare accuratamente i migliori esempi al mondo di architettura brutalista. Più di 850 edifici, esistenti e demoliti, classici e contemporanei, sono organizzati geograficamente in nove regioni continentali.

878 edifici, 798 architetti, 102 paesi, 9 regioni del mondo, 1 stile BRUTALISM

Presentato in un formato oversize con una custodia appositamente rilegata con finiture tridimensionali, 1000 bellissime fotografie a due tonalità in tutto portano alla forza grafica, alla forza emotiva e alla presenza architettonica irresistibile del brutalismo.

Dai maestri del XX secolo agli architetti contemporanei, i capolavori più amati nel Regno Unito e negli Stati Uniti si affiancano a esempi meno conosciuti in Europa, Asia, Australia e oltre – 102 paesi in tutto.

Era stato fatto un esperimento simile in passato, concentrandosi su Belgrado. Lo aveva pubblicato la fotografa Lola Paprocka qualche anno fa e si chiama Blokovi, una serie fotografica che esplora i palazzi di New Belgrade e i loro residenti, prevalentemente girati in medio formato nell’agosto 2015. La principale fonte di ispirazione di Lola viene dal suo interesse e ammirazione per l’architettura e la ritrattistica. Questi due temi si presentano spesso durante il progetto. In sequenza ci sono varie situazioni quotidiane all’interno dell’architettura brutalista di Belgrado ed è stato tutto realizzato ai giorni nostri.



Fashion - 30/06/2017

Antonelli Firenze vola a Lanzarote per lo shooting invernale

La nuova campagna Antonelli Firenze per la stagione FW 2017-18 realizzata all'isola di Lanzarote è [...]

Fashion - 15/10/2016

Angelos Frentzos immagina la donna-gotica per l’estate 2017

Angelos Frentzos a Milano Moda Donna ha portato la musica (e il trend) a lui caro, ovvero la new wav [...]

Society - 02/07/2018

Damiano Gallo presenta il libro di Silvana Giacobini su Alberto Sordi

Breve ma intenso tour letterario per il nostro Damiano Gallo, uno dei volti di punta di The Way Maga [...]

Top